Plastica e sostenibilità: il binomio possibile e necessario

Riteniamo però sia giusto porre l’attenzione sui comportamenti e non accusare la plastica in sé: la riduzione dell’inquinamento è, infatti, un processo che riguarda le scelte di tutti gli attori coinvolti: fornitori, produttori, brand e consumatori.

Come produttori stiamo facendo la nostra parte proponendo prodotti riciclati e riciclabili, progettando packaging mono-materiale che possano entrare facilmente nella filiera del riciclo e quindi contribuire a un modello di economica circolare che prevede il recupero, la trasformazione e il riutilizzo delle risorse allungando così il ciclo di vita della plastica.

Guarda il video

 

Packaging riciclato: un'ascesa inarrestabile

Sta crescendo esponenzialmente la produzione di flaconi, vasistick e stick labbra in materiali riciclati post-consumo per l'industria cosmetica, farmaceutica (OTC) e alimentare. 
L'utilizzo di polimeri R-PE, R-PET, R-PP e PCR permettono alle aziende di realizzare packaging plastici sostenibili e rispondere alle esigenze di consumatori sempre più attenti e consapevoli dell'impatto ambientale dei prodotti utilizzati nella quotidianità.  

Scopri di più

 

Dalla canna da zucchero nasce il Green PE

La sostanziale differenza rispetto al PE vergine è che l'etanolo utilizzato per produrre il Green PE non deriva dal petrolio ma dalla canna da zucchero.
Il Green PE è una bioplastica prodotta da fonti rinnovabili, è riciclabile e durante il processo di produzione cattura la CO2 dall’atmosfera anziché immetterne.
Del PE vergine mantiene identiche proprietà, prestazioni e versatilità.

È possibile utilizzare il Green PE per la realizzazione di vasi e flaconi. 

Richiedi informazioni

Torna indietro